Verso il Forum Mondiale dell’Abitare 2023, è il primo obiettivo da conseguire per Officina Italia, con un percorso che inizia ad Ascoli Piceno e termina, appunto, nel 2023.

L’ambizione è quella di mettere in rete le migliori esperienze maturate nelle Marche, in Abruzzo, Umbria, Emilia Romagna e lungo tutta la dorsale appenninica, per approfondire la conoscenza delle problematiche.
Un vero e proprio piano di azione territoriale che veda protagonisti i sindaci di tutti i comuni dell’Appennino per costruire un percorso progettuale che ci porti fuori dalla palude in cui siamo caduti senza averne responsabilità.

Temi che non riguardano esclusivamente la casa d’abitazione e le sue implicazioni territoriali, ma che riguardano l’economia di questi territori, la qualità della vita, la condizione umana delle persone, bambini, donne, uomini, anziani.

Che riguarda l’intero comparto delle costruzioni. Il mondo delle imprese, dei professionisti, degli studenti. Del personale sanitario e della scuola.

Un progetto di riformulazione della vita di ognuno di noi, in relazione alle mutate condizioni che il terremoto prima e la pandemia di Covid-19 oggi c’impongono. Delle mutate condizioni sociali, delle mutate relazioni sociali, dei modi in cui dovremo vivere la nostra vita.

Verso il Forum Mondiale dell’Abitare 2023 è un progetto itinerante, le cui prime due tappe sono Ascoli Piceno e L’Aquila e che prende il via nel mese di luglio 2020. Le successive tappe, sulle quali si sta lavorando, sono previste a Foggia, Napoli, Firenze, Milano, Venezia.

Il percorso di avvicinamento al Forum prevede tre grandi appuntamenti nazionali, un primo nel 2021, un secondo nel 2022 e il terzo è il forum mondiale sull’abitare che si svolgerà nel 2023.

Un progetto di Carsa in collaborazione con Symbola

Federparchi – Europarc Italia / ANCE / ANCI / CGIL / CISL / UIL /
Consiglio Nazionale degli Ingegneri